Tag Archive: Fabrizio Ago


Il getto micronizzato entrò in funzione e gli frustò gelidamente la pelle per 2,5 secondi.”

Criostories

Simpatica, ben scritta questa raccolta di racconti di John Criostorm, che spazia tra situazioni quasi realistiche e pura fantascienza. Si va da avvenimenti di un futuro non lontano, dove protagonista è ancora la Terra, quale oggi la conosciamo, a quelli in cui vediamo un pianeta senza nome, che è stato teatro di una devastante guerra nucleare, e con una nuova società, forse del ventiquattresimo secolo.

L’autore ci offre dunque situazioni anche molto diverse, ma le pone quasi in costrittiva e inquietante contiguità. Come quella della distruzione di Roma e della Chiesa Cattolica da parte dello stesso Papa (Benedetto XVII), per contrastare l’espandersi di una deriva terroristica islamica, e quella di una strana nube aliena che all’improvviso avvolge la Terra, oscura il sole e in poco tempo distrugge ogni forma di vita sul pianeta.

Il tutto descritto con penna sicura e fluida, ma quasi neutra come quella di un rapporto tecnico–scientifico. Non mancano però pagine più leggere, caratterizzate anche da un sottile e gradevole umorismo, fatto di nonsense e immagini surreali, che in più di un’occasione inducono il lettore al sorriso.

È il caso di uno dei primi racconti, il più lungo, di circa cento pagine, dove vengono descritte le disavventure di John, che vive in un mondo lontano nel tempo, che non conserva più che deboli ricordi di secoli passati, di quando vi erano i libri ed i fiori e gli alberi non erano di plastica.

Gustosa ad esempio la scena del suo matrimonio: “La cerimonia di quarta classe era avvenuta senza intoppi. Il 37° vice robosindaco era stato gentile e premuroso… Mentre si allontanavano, lungo il corridoio di servizio del settimo piano interrato del Municipio, erano stati investiti da una pioggerellina di plastoriso azzurro, che scendeva dal soffitto, come contributo statale alla futura felicità. Mary si era messa a singhiozzare per la commozione. John aveva sentito un nodo alla gola.” E quella del loro viaggio di nozze di ben trenta minuti in uno scenario simil–naturale: “John inserì la carta nella fessura e l’albero si accese. Le sue fronde si allargarono sopra di loro, agitate da silenziosi refoli di brezza compressa. Il sole si animò di un caldo bagliore e quattro margherite spuntarono lì intorno.”

Come tutti in quel periodo, John ha inserito nelle nuca un display fiscale. Lui è di livello basso, ma non bassissimo e deve di continuo lottare e industriarsi per non far diminuire il credito riportato nel display. Lo seguiamo così nella sua quotidianità, sempre tartassato com’è da una burocrazia ossessiva e da un parossistico sistema tributario, che giunge a tassare e multare le persone che fanno un eccessivo consumo dei pavimenti, camminandovi troppo o troppo di corsa, o che non producono le dosi regolamentari di evacuazioni corporali.

Quella che Criostorm dipinge è una società in cui tutti studiano piccoli sotterfugi per risparmiare sulle tasse e sopravvivere, in cui corruzione e sopraffazione sono molto di casa, nonché iperbolica escalation delle dissimmetrie social. Ai livelli superiori vi sono infatti enormi ricchezze e anche se non circolano più automobili, sono in molti a non disdegnare di possedere l’ultimo modello di Ferrari. Il tutto ovviamente a scapito e pagato dalle categorie inferiori: “le tasse saranno incamerate nel fondo governativo per i traslochi di seconde case dei figli dei parlamentari.” E non mancano i “finali”, che vivono di espedienti e al di fuori di ogni contesto sociale.  (finali – quelle persone il cui equilibrio molecolare e atomico cede di colpo per le troppe manomissioni genetiche apportate nel corso degli anni).

Ricorda un po’ «Fahrenheit 451» questo racconto; una satira, nemmeno troppo velata, delle distorsioni della nostra società e dei suoi mali. Quasi un monito a che non ci si lasci andare, rischiando di finire in situazioni paradossali come quelle descritte.

Tornando a John, pare proprio che il mondo ce l’abbia con lui. Ma non si dispera, anzi con la moglie studia tutti i possibili accorgimenti per sopravvivere e salvarsi. Il suo innato ottimismo pare tuttavia infrangersi di fronte ad un terribile e inaspettato evento. Un giorno avverte uno strano ronzio alla nuca e si accorge che il display inizia a indicare cifre di crediti sempre più bassi. È la rovina, sarà declassato, perderà la casetta di ben otto metri quadri… È alla disperazione.

Con la moglie corre allora all’Ufficio apposito, dove entrambi raccontano l’accaduto. Ovviamente vengono multati sia per aver presentato la loro situazione con tono eccessivo di voce, sia per aver turbato la quiete pubblica con il loro reclamo. Il display in ogni caso viene riparato, anche se malamente. Nella notte infatti il congegno emette strani suoni e all’improvviso evidenzia un credito stratosferico. Ora John non può più vivere in quella casetta, nei piani bassi. Ora è un ricco, una personalità, cui spetta una vita da nababbo, senza più tasse o sopraffazioni.

Ma forse questo strano comportamento del display non è reale. Quello di John e di Mary non è che un sogno…

Augurando a tutti una buona lettura, non si possono in conclusione che formulare vivi complimenti a Criostorm.

Giovanni Crio Della Casa

John Criostorm (Giovanni Dalla Casa) è nato a Milano nel 1948.
Dopo gli studi superiori ha lavorato in parecchi rami delle attività commerciali del Nord Italia. In gioventù ha composto musica, si è cimentato nelle percussioni e nello studio della sintesi musicale per mezzo delle nascenti tastiere elettroniche (sintetizzatori). Al suo attivo ha anche una nutrita serie di dipinti ispirati al surrealismo di Dalì, alla “biomeccanica” dello svizzero Giger ed al design onirico del britannico Dean.
La sua formazione letteraria nasce dalla continua lettura dei maggiori autori di Fantascienza di tutto il mondo fin dagli anni della sua infanzia, in particolar modo americani ed inglesi. Suoi scrittori preferiti sono John Christopher, Clifford Simak, Gregory Benford e Dan Simmons E’ un appassionato lettore di rami collegati della divulgazione scientifica, astronomia, astrofisica, e sulle ricerche avanzate sulle dimensioni teoriche oltre a quelle che conosciamo.
E’ un convinto assertore della vita intelligente disseminata in tutto l’universo.

Annunci

copertina con sinossi yod - Copia

Mister Yod non può morire di Maria Antonietta Pinna

“Non è facile per me dirvi quello che sto per dirvi, sempre che riesca a dirvelo…”

Continua a leggere

Fabrizio Ago

redazione Fabrizio Ago

Fabrizio Ago Nato a Torino, nel 1942.
Da alcuni anni vive in Canada, a Toronto.

Già Esperto presso il Ministero Affari Esteri, responsabile del Settore patrimonio Culturale (da lui ideato) della Cooperazione internazionale allo Sviluppo. Programmi di valorizzazione e creazione di distretti culturali, musei e biblioteche, azioni mirate relative al dialogo interculturale, nei paesi del Medio Oriente, Yemen ed Iran, nei Paesi della ex Jugoslavia, nella Repubblica Popolare Cinese, nonché in alcuni paesi Africani e Latino-Americani.

Professore incaricato di “Architetture vernacolari” al Corso per borsisti del Terzo Mondo a Firenze. Corsi di “Museologia e museografia” presso le Università del Cairo e di Skopje. Visiting professor su temi dell’economia della cultura, presso l’OIL (Organizzazione Internazionale del Lavoro – Torino) ed altre Università sia in Italia, che all’estero.

Relatore in numerosi Convegni internazionali sempre sulle tematiche del patrimonio culturale e della sua valorizzazione.

Autore di numerose pubblicazioni sul Patrimonio, monografie su specifici Musei, Manuali per la progettazione museale. Di recente, autore di pubblicazioni a carattere maggiormente divulgativo, come: L’idea di Museo nella letteratura contemporanea, o: Delitti nei Musei (due volumi).

Mediatore Unesco-WIPO per le dispute internazionali tra Musei ed Amministrazioni sui temi del patrimonio e della restituzione di opere d’arte illecitamente acquisite. Già membro del Collegio dei Probi viri di ICOM-Italia (Consiglio internazionale dei Musei) e presidente di ICOM-Lazio. Attualmente membro di ICOM-Canada e di ICAMT (Comitato internazionale per l’architettura dei musei).

Maggiori informazioni sull’attività professionale nel sito: http://fabrizioprof.altervista.org
Maggiori informazioni sulle sue recenti pubblicazioni nel sito: http://fabrizioago.altrevista.org

Le barche di cartaRecensione – Le barche di carta di Angelica Intersimone – a cura di Fabrizio Ago
La musica per Azalee era puro fuoco che la ardeva, la faceva sentire libera e felice nel profondo dell’anima. Continua a leggere


“In me vive lo spirito dell’aquila che vola alta nel cielo, il suo cuore è il mio e nessun uomo può dominare l’aquila se non uccidendola”. Continua a leggere

LA PRESENZA DI ÈRATO

La presenza di Èrato vuole essere la palestra della poesia e della critica della poesia operata sul campo, un libero e democratico agone delle idee, il luogo del confronto dei gusti e delle posizioni senza alcuna preclusione verso nessuna petizione di poetica e di poesia.

SpazioScrittura

SpazioScrittura

L'angolino di Ale

Il blog della rivista «Espressione Libri»

Discovering. Art.

Art is the journey of a free soul.

Chiara Navarra

Photography & Editing

OcchioGrafico

Blog di Grafica & Fotografia - per chi crea e chi commissiona creatività

philomela997

scrittura critica cultura

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Ispirazione - Il blog di Ilaria Goffredo

"People say I'm crazy doing what I'm doing." John Lennon

L'amore è la distanza di dieci giorni

Il blog di Tommaso Occhiogrosso

Crescenza Caradonna's Blog

Rumore dell'anima & Words for you

Sui sentieri dell'anima... di Pattyrose

"Sui sentieri dell'anima m'incammino da sola senza alcun timore" (Blog ufficiale di Patrizia Portoghese)

Lucio Freni

Le poesie...Ali per volare

Maurizio Narcisi

Pensieri, parole e riflessioni

Andrea Mancini

About my work and what I'm doing with it

Cetta De Luca

io scrivo