Nadezhda

Nata in Bulgaria ma residente in Italia da sedici anni, Nadezhda Georgieva Slavova si presenta agli amici e  lettori di Espressione Libri.  

Le tue prime pubblicazioni sono due sillogi di poesia. Quali sono state le maggiori difficoltà da te riscontrate utilizzazione della lingua italiana?

La lingua Italiana per me è come una bellissima distesa di fiori. Io riesco a cogliere i petali di migliaia di questi fiori , ma oltre c’è ne sono altri dove per ora c’è un recinto. Non essendo di madrelingua diciamo che per me questo recinto è la sfida e la voglia continua di migliorare.

“La tredicesima porta” è la tua ultima pubblicazione, ci racconti brevemente la trama?

Percorrere le celle della mente. Quegli istanti quando il dolore corrode la memoria e quella per difendersi nasconde le cicatrici nel posto più profondo. Un cammino all’indietro nella più totale nudità dell’anima. Una bambina si racconta e mentre lo fa, io, pur sapendola me stessa, la osservo inerme. Un percorso personale difficile e a tratti terribile. Un diario del passato . Un libro autobiografico.

Poesia o romanzo, quale dei due generi ti ha dato maggiori soddisfazioni?

Non separo la mia poesia della narrativa.   Chi conosce la mia poetica sa che in realtà io narro sempre me stessa, la mia anima e le mie emozioni.  É indubbio che il romanzo piaccia di più essendo una lettura immediata e coinvolgente, mentre le poesie sono, a mio parere,  per pochi , per quelle persone che, ancora, sanno volare.

Se dovessi scegliere un breve stralcio quale ci leggeresti?

Difficile stabilire quale, ne ho scelti 3 per la mia presentazione e sono stati letti da un mio caro amico attore. Ve li sottopongo a questo link  http://youtu.be/ATVP8tGKLyE

Casa editrice o auto pubblicazione? Quale consiglieresti tra le due possibilità ai nuovi autori che si avvicinano per la prima volta alla scrittura?

Personalmente ritengo siano valide entrambe le opzioni. Dipende dalla visibilità che si vuole dare al proprio libro. Se si pubblica per un ristretto numero di amici e conoscenti auto pubblicarsi non è per nulla sbagliato. La casa editrice, se di fiducia, rappresenta però il mezzo più adeguato a dare slancio, pubblicità e maggiore visibilità al proprio libro. Sono contenta dell’operato della mia casa editrice e penso che senza  il giusto apporto esperienziale avrei avuto molte difficoltà  a presentare il mio romanzo.  Insieme saremo presenti anche nelle fiere del libro… quale  sito potrebbe essere  più allettante per accarezzare la mente del lettore?

Annunci