AcciaieriaL’Acciaieria di Marina Romano – Recensione di Davide Gorga su Amazon.it

Una ghost-story complessa e poliedrica, in cui lo sguardo sugli elementi drammatici e incalzanti si sposta spesso all’intimo dell’essere umano e, muovendo da esso, giunge fino all’universale. Alla luce della luna, le diverse, multiformi sfaccettature della protagonista prendono vita sino a rappresentare quelle che, nascoste, vivono in ognuno di noi.
La narrazione si snoda su più piani sino ad integrarli in un unico dipinto dagli stili più diversi, in cui talvolta prevale l’impressionismo e nel quale, tuttavia, la rappresentazione realistica e cruda della psiche assume il dominio della tela, in un lavoro agile nel procedere acquisendo via via sempre maggiore incisività e profondità prospettica. Presto la vicenda si tramuta, anche, in una dura condanna della società e dei suoi falsi moralismi – in cui l’apparenza, il denaro, l’utilità s’impongono come paradigmi cui aderire pena l’emarginazione; l’esclusione dalla vita sociale e affettiva relega talvolta in un particolare, personale inferno.
Il dialogo a due voci svela poco per volta la realtà dura, poetica, dimenticata, a tratti desiderata o vivificata dal ricordo, al lettore, senza mai allentare la presa, sino ad un parossismo di sentimenti e azioni che porta alla conclusione, lasciando senza fiato.
Libro che attanaglia fino all’ultima pagina ma che non smette di esercitare il suo fascino, attirandoci a riprenderlo in mano per meditare – ed assaporare – i più bei passi.

http://www.amazon.it/gp/product/B00B032OWS/ref=cm_cr_thx_view

Annunci