BREVI MONOLOGHI finale

“Brevi monologhi in una sala da ballo di fine Ottocento” è il mio libro di esordio,  l’operetta con la quale il pubblico mi ha conosciuta e che mi diede a diritto il titolo di “scrittrice esordiente”.  Ricordo ancora il periodo nella quale la scrissi, un periodo difficile per me dove la scrittura e il mondo dell’editoria erano solo un’utopia lontana.  Avevo da poco letto l’Antologia di Spoon River di Edgar Lee Masters e ne ero rimasta affascinata a tal punto da voler scrivere un’opera ricalcandone in parte la sua struttura,  creando un mondo lontano ma allo stesso tempo vicino a me nel quale riversare alcuni dei miei pensieri.

Così è nata la sala da ballo, una sontuosa metafora della vita umana, un mondo racchiuso di speranze sogni e paure, odio amore, false illusioni.  Il lettore può identificarsi nei personaggi che popolano il libro e chi ci parlano attraverso monologhi, richiamandosi l’un l’altro e formando in tal modo una struttura sincronizzata e circolare. Ciascun monologo anticipa l’altro donando al libro una continuità che lo rende leggibile quasi come fosse un breve romanzo in versi.

Ho voluto riproporre l’operetta perché a essa sono legati molti ricordi e che proprio per questo trovavo ingiusto tenere nascosta tra i file del mio pc.

Dunque, lettore, benvenuto nella sala da ballo.  Spero tu possa trovarvi una parte di te, e che questa breve incursione nelle anime dei personaggi – monologhi ti sia di compagnia e di diletto.

link per l’acquisto

http://www.amazon.it/Brevi-monologhi-ballo-Ottocento-ebook/dp/B00CYB0NAK/ref=sr_1_1?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1369905215&sr=1-1&keywords=brevi+monologhi

Alessandra PaoloniAlessandra Paoloni è nata a Tivoli, l’11 marzo del 1983. Coltiva fin da bambina una passione quasi viscerale per la scrittura e la lettura, pubblicando fin da giovanissima poesie e racconti su riviste e giornali locali.

Esordisce come scrittrice con la raccolta poetica “Brevi monologhi in una sala da ballo di fine Ottocento” con la casa editrice Il Filo (2008), cui seguono i due romanzi fantasy “Un solo destino” e “Heliaca la pietra di luce” entrambi editi con la 0111 Edizioni. Si ripresenta al pubblico nell’aprile del 2012 con il nuovo romanzo “La Stirpe di Agortos” (pubblicato con lo pseudonimo di Elisabeth Gravestone e ora fuori commercio).
Arriva seconda, col racconto “La Prova”, al concorso indetto dal blog “Club Urban Fantasy”, la cui antologia è disponibile sia in edizione cartacea che digitale.
Esce nel novembre 2012 per la Butterfly Edizioni il suo primo paranormal fantasy “La discendente di Tiepole”, che sta riscontrando un notevole entusiasmo da parte dei lettori.
Il suo racconto “In fuga per ricominciare” è stato selezionato dal Writer Magazine di Franco Forte e comparirà nell’antologia “365 Storie d’Amore”.
E’ tra i vincitori del concorso “On the Road: diari di viaggio” indetto dalla Libro Aperto Edizioni con il racconto “Sulla strada per la fine”.  E’ tra i finalisti del concorso “Impronte d’amore” indetto dalla Butterfly Edizioni con il racconto “Come il vento su Top Withens”. L’uscita dell’antologia è prevista per gennaio/febbraio 2013.
Pubblica con la Libro Aperto Edizioni il lungo racconto paranormal romance “Oltre l’oscurità” in edizione digitale.
Il suo racconto “La cura” viene inserito nella raccolta antologica digitale “La prima volta” edita dalla Triskell Edizioni ed è disponibile gratuitamente sul sito della casa editrice stessa.
Dal maggio 2013 è possibile scaricare da amazon la nuova versione dei “Brevi monologhi in una sala da ballo di fine Ottocento” al prezzo irrisorio di 0,89 €.

Annunci