Roberta Strano

Benvenuta Roberta nel blog Espressione Libri.

Parlaci brevemente di te, ti occupi della scrittura da quando? Il tuo è un impegno a tempo pieno o ti dedichi anche ad altro ?
Sono siciliana e scrivo da quando ero adolescente. Purtroppo nessuno vive scrivendo, o solo alcuni, così mi occupo anche di altro. Lavoro presso la pinacoteca comunale della città dove abito, ma sono anche redattrice presso la casa editrice Montecovello di Roma e articolista su alcuni siti web settore grafica e informatica.

Quando hai iniziato a scrivere la tua ultima opera? Quanto tempo hai impiegato ?
Ho iniziato a scrivere il romanzo nella primavera del 2007 e ho impiegato tutta la stagione estiva per scriverlo, quindi in tre mesi. Ma nel tempo ci sono stati diversi ripensamenti e soprattutto approfondimenti sia di carattere storico che nella caratterizzazione psicologica dei personaggi.

Per la stesura di “Hans Thorkild , Hastings anno 1066” ti sei ispirata a qualcosa che hai visto, letto ?
Sì, mi sono ispirata alla leggenda di Tristano e Isotta, ma anche a Romeo e Giulietta di Shakespeare.

Il tuo romanzo presenta delle ambientazioni interessanti, hai visitato personalmente i luoghi descritti ?
Purtroppo no, ma spero presto! Amo il Nord Europa, i fiordi, il mare color cobalto. Non credo sia difficile immaginare che in questi luoghi ci sia una natura incontaminata e delle casette in legno che sembrano quelle delle fiabe.

C’è qualche personaggio in cui ti rivedi, o che rispecchia almeno in parte il tuo carattere?
Sì, mi rispecchio nella contessina Angel, una fanciulla infantile, capricciosa, ma dall’animo cristallino e capace di profondi sentimenti e di sacrifici.

I riferimenti storici all’interno del romanzo sono notevoli, sei un’appassionata di storia medievale?
Sì, soprattutto del medioevo inglese e scandinavo. I Vichinghi visti non solo negli aspetti negativi ma anche in quelli più positivi.

L’amore sembra pervadere l’intero libro fino alla risoluzione finale, una tale scelta è dipesa da una tua personale concezione di questo sentimento ?
Credo che l’amore sia il motore dell’esistenza umana e non solo. L’amore nelle sue più varie accezioni. Nel romanzo si fa riferimento all’amore familiare, l’amore per la propria terra natia, e ancora l’amore platonico e passionale.
Una rivalutazione dei sentimenti più profondi, possibili in un’epoca in cui il cuore dominava la ragione.

Preferisci un genere letterario in particolare oppure ti piace cambiare di tanto in tanto?
Di tanto intanto cambio, anche se rimango sempre un’inguaribile romantica!

Prima di arrivare alla pubblicazione di “Hans Thorkild , Hastings anno 1066” ti sei dedicata alla stesura di versi con ottimi risultati, che cosa ha rappresentato la poesia per te ?
Ha rappresentato e rappresenta moltissimo. Non dimentico mai di essere nata prima come poetessa. La poesia è autenticità assoluta, mi permette di esprimere i miei più profondi sentimenti, senza mascherarli dietro a personaggi fittizi. Lo scorso anno ho pubblicato la mia prima raccolta di poesie dal titolo “I riflessi dell’anima con Ebook Vanilla” con testo inglese a fronte.

C’è qualcuno che ti è stato vicino e che ti ha supportato nella stesura della tua opera?
Sì, mia sorella Maddalena, maggiore di me di quattro anni. Ho letto a lei la prima volta il mio romanzo, capitolo per capitolo, ogni volta che ne terminavo uno. Direi che ha vissuto davvero con me questa esperienza passo dopo passo nel suo nascere. A volte mi ha anche consigliata!

A chi consiglieresti il tuo libro e perché ?
Lo consiglio a tutti coloro che credono ancora nell’amore eterno, o che sono affascinati da valori e sentimenti profondi. La nostra società contemporanea ha un po’ smarrito tali sentimenti ma, alcune mie lettrici mi hanno fatto capire che nonostante tutto si vorrebbero ritrovare. E ancora lo consiglio vivamente a chi ama la storia medievale e i Vichinghi, popolo non solo di guerrieri, ma di grandi navigatori ed esploratori. Il mio romanzo è un po’ un punto di partenza da cui poter sviluppare delle ricerche e delle conoscenze interessanti e spesso inusuali per gli Italiani.
Infine vorrei segnalare che attualmente sto scrivendo la seconda parte del romanzo “Hans Thorkild”, che probabilmente sarà pubblicato la prossima estate.

Annunci